BIM: opportunità o divario generazionale?

10/01/2019 – Come già visto nei precedenti focus (clicca QUI per la parte 1; clicca QUI per la parte 2), con la metodologia BIM la figura professionale del progettista si evolve e diventa sempre più digitale e orientata alla gestione, si aggiungono al suo dizionario terminologie per la gestione dei dati, di informatica generale e linguaggi di scrittura dei software CAD-BIM.

Questo tipo di upgrade potrebbe creare delle difficoltà ai progettisti senior, che si trovano a dover imparare nuovi linguaggi di comunicazione, informatica e strumenti di lavoro sofisticati.
Dall’altro lato, ci sono le nuove leve di professionisti che si affacciano al mondo del lavoro già in parte formati sul BIM e decisamente più propensi all’uso del digitale. Potrebbe, quindi, sembrare che queste due macro categorie siano in contrapposizione tra loro e che i nativi digitali siano in netto vantaggio sui senior…
Continua a leggere su Edilportale.com


Nota: questo articolo è stato ripreso da un altro sito web attraverso un sistema automatico di news aggregation. Tutti i diritti sono dei legittimi proprietari.


Translate »