Fattura elettronica, le esperienze a tre mesi dal debutto

26/03/2019 – L’obbligo di fatturazione elettronica per tutte le operazioni effettuate nei confronti di soggetti passivi Iva nonché di privati consumatori è ormai in vigore dal 1° gennaio 2019.

Una legge che non ha colto nessuno di sorpresa, perché lungamente annunciata. Tuttavia, il primo trimestre di debutto è rimasto caldo per tutte le singole partite IVA e per le società di ogni taglia e misura.

Infatti, i soggetti coinvolti, tutti i titolari di partita IVA, hanno dovuto iniziare ad emettere fatture esclusivamente in formato elettronico, con un semestre di tolleranza promosso dall’Agenzia delle Entrate che terminerà a fine giugno.

Sono esclusi dall’obbligo solo i soggetti passivi Iva che si avvalgono del regime di vantaggio (c.d. regime dei minimi) e del regime forfettario.

Le esperienze degli operatori coinvolti
Sergio Pellone, commercialista, Partner di TALEA Tax Legal Advisory, dà..
Continua a leggere su Edilportale.com


Nota: questo articolo è stato ripreso da un altro sito web attraverso un sistema automatico di news aggregation. Tutti i diritti sono dei legittimi proprietari.


Translate »