Poli innovativi per l'infanzia, il Miur fa dietrofront sui concorsi di idee

13/02/2019 – Saranno i Comuni ad occuparsi della progettazione dei ‘poli innovativi per l’infanzia’ e non più, come inizialmente previsto, il Ministero dell’Istruzione e dell’Università (Miur) con un concorso nazionale di progettazione.

Il dietrofront del Miur è passato in sordina perché annunciato dal Ministero nel corso di un incontro, tenutosi lo scorso settembre, tra i responsabili ministeriali della misura e i rappresentanti dei Comuni selezionati dalle Regioni. I Comuni, quindi, oltre a dover deliberare la cessione delle aree all’INAIL (che finanzia tutto il programma e poi, a regime, percepirà i canoni di locazione dal ministero), dovranno occuparsi della progettazione esecutiva degli interventi.

Poli innovativi per l’infanzia: nessun concorso di progettazione nazionale
Il Miur ha giustificato la decisione di non occuparsi di un concorso di progettazione nazionale con obiettivi..
Continua a leggere su Edilportale.com


Nota: questo articolo è stato ripreso da un altro sito web attraverso un sistema automatico di news aggregation. Tutti i diritti sono dei legittimi proprietari.


Translate »