Scuole innovative, 22 milioni di euro per progettare spazi didattici smart


06/12/2018 – In arrivo 22 milioni di euro per la progettazione di ambienti didattici innovativi e tecnologicamente all’avanguardia all’interno delle scuole.
 
A prevederlo un decreto, firmato dal Ministro dell’Istruzione Marco Bussetti, che stanzia complessivamente 35 milioni di euro per il pacchetto ‘Scuola digitale’.
 
Il decreto, inoltre, stanzia oltre 2 milioni di euro per le scuole delle aree a rischio, che saranno individuate in base a criteri oggettivi: alto tasso di dispersione scolastica, disagio negli apprendimenti, status socio-economico della famiglia di origine rilevato dall’INVALSI, tasso di deprivazione territoriale ISTAT.
 

Scuole innovative: 22 milioni per g didattici

A seguito della firma del decreto, il Miur ha pubblicato un bando da 22 milioni di euro destinato alle scuole statali di ogni ordine e grado per finanziare la progettazione e creazione di ambienti di apprendimento, con l’allestimento e la trasformazione di uno o più spazi interni alla scuola, capaci di integrare nella didattica l’utilizzo di tecnologie all’avanguardia.
 
Le scuole potranno presentare i progetti entro le ore 15.00 del 17 dicembre 2018, compilando l’apposita istanza on line. Ogni istituto potrà presentare un solo progetto.
 
Il contributo massimo attribuibile dal Miur a ciascuna istituzione scolastica per la realizzazione degli ambienti di apprendimento innovativi sarà pari 20.000,00 euro.  
 

Ambienti scolastici innovativi: i requisiti dei progetti

Le proposte progettuali dovranno avere ad oggetto la realizzazione, l’allestimento e la trasformazione di uno o più spazi interni alla scuola; tali spazi fisici devono coprire una superficie disponibile e dedicata di almeno 50 mq.
 
I nuovi ambienti dovranno avere: ottimi requisiti acustici, un’illuminazione naturale e artificiale corrette e confortevoli, colori e forme che stimolino l’apprendimento e tecnologie connesse a Internet.
 
Gli ambienti potranno articolarsi, ad esempio, in spazi di investigazione per ricercare dati e informazioni, osservare e sperimentare, spazi di creazione per progettare, disegnare e produrre propri lavori e spazi di presentazione, di condivisione e di interazione.
 
Gli ambienti e gli arredi dovranno essere flessibili e adattabili alle diverse esigenze e metodologie didattiche innovative, con banchi/tavoli componibili e configurabili in varie forme e sedie mobili, anche attrezzate con piani di lavoro, con altezze adatte alle diverse età degli studenti e posture funzionali.
 

Progettazione di ambienti innovativi: le spese ammissibili

Le spese che possono essere considerate ammissibili sono quelle relative a:
acquisti di beni, compresi gli arredi innovativi, e attrezzature digitali per gli ambienti di apprendimento (minimo 80% del contributo concesso);
– piccoli lavori edilizi funzionali alla realizzazione degli spazi fisici degli ambienti di apprendimento e spese per l’allestimento di dispositivi di sicurezza o per l’assicurazione sulle strumentazioni nel primo anno dalla fornitura: nella misura massima del 15% del contributo concesso;
– spese generali, tecniche e di progettazione: nella misura massima del 5% del contributo concesso.
 
Dopo la chiusura del bando, la Commissione giudicatrice del Miur valuterà le proposte progettuali sulla base di alcuni criteri come:
qualità della proposta progettuale complessiva, in termini di chiarezza degli obiettivi, coerenza con le finalità del bando;
ampiezza e rispondenza degli spazi dell’ambiente di apprendimento alle caratteristiche del bando;
completezza e rispondenza delle attrezzature alle caratteristiche del bando;
completezza e rispondenza degli arredi innovativi dell’ambiente di apprendimento alle caratteristiche del bando;
– coinvolgimento di soggetti pubblici e/o privati e significatività delle collaborazioni;
–  presenza di eventuali quote di cofinanziamento per la realizzazione del progetto.
 

Piano Nazionale scuola digitale e ‘Scuole Innovative’

Il Ministro Bussetti ha commentato: “Dobbiamo ripartire dal Piano Nazionale Scuola Digitale e migliorarlo. Partiamo da questo pacchetto di risorse e da uno stanziamento importante, oltre 22 milioni, per gli ambienti didattici innovativi che sono fondamentali per incidere sulla didattica”.
 
Il tema delle scuole innovative e della progettazione di ambienti flessibili e connessi è stato oggetto di attenzione già nel recente passato; infatti, il Piano Nazionale Scuola Digitale, nato nell’ottobre 2015, ha stanziato 600 milioni di euro per le infrastrutture scolastiche (come l’installazione della fibra e della banda ultra-larga in ogni scuola e il cablaggio degli spazi interni),  400 milioni per lo sviluppo delle competenze digitali tra alunni e professori e 140 milioni di euro per la realizzazione di ambienti di studio più adeguati.
 
Nella stessa direzione s’inseriscono anche le iniziative volte alla costruzione ex novo di scuole, progettate secondo i criteri dell’innovazione e dell’inclusione, come il bando “Scuole Innovative”.
 

!function (f, b, e, v, n, t, s) {
if (f.fbq) return; n = f.fbq = function () { n.callMethod ? n.callMethod.apply(n, arguments) : n.queue.push(arguments) }; if (!f._fbq) f._fbq = n; n.push = n; n.loaded = !0; n.version = ‘2.0’; n.queue = []; t = b.createElement(e); t.async = !0; t.src = v; s = b.getElementsByTagName(e)[0]; s.parentNode.insertBefore(t, s)
}(window, document, ‘script’, ‘https://connect.facebook.net/en_US/fbevents.js’);
fbq(‘init’, ‘1619598488285307’);
fbq(‘track’, ‘PageView’);

(function (d, s, id) {
var js, fjs = d.getElementsByTagName(s)[0];
if (d.getElementById(id)) return;
js = d.createElement(s); js.id = id;
js.src = “http://connect.facebook.net/it_IT/sdk.js#xfbml=1&version=v2.8&appId=132616766822932”;
fjs.parentNode.insertBefore(js, fjs)
;
}(document, ‘script’, ‘facebook-jssdk’));


>> CLICCA QUI PER LEGGERE L’ARTICOLO ORIGINALE <<


Nota: questo articolo è stato ripreso da un altro sito web attraverso un sistema automatico di news aggregation. Tutti i diritti sono dei legittimi proprietari.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Translate »