Abusi edilizi, quando si possono fermare le ruspe?

25/03/2020 – Il Comune non ha l’obbligo di comunicare l’avvio di un procedimento per la demolizione di un abuso edilizio, né quello di provare l’epoca in cui le opere sono state realizzate. Lo ha chiarito il Consiglio di Stato con la sentenza 1737/2020.

Abusi edilizi, il fatto
Un soggetto, che aveva realizzato, senza alcun titolo abilitativo, una sopraelevazione, con contestuale rifacimento del tetto, accompagnata da tramezzature interne, era stato condannato dal Comune alla demolizione delle opere abusive e al ripristino dello stato dei luoghi. Successivamente, il responsabile dell’intervento aveva presentato domanda di condono ai sensi della Legge 724/1994, ottenendo però il diniego della sua istanza.

Il responsabile degli interventi aveva quindi presentato ricorso contro il provvedimento del Comune. A suo avviso si trattava di opere di manutenzione straordinaria e di varianti non essenziali. Ma non solo, perché il..
Continua a leggere su Edilportale.com


Nota: questo articolo è stato ripreso da un altro sito web attraverso un sistema automatico di news aggregation. Tutti i diritti sono dei legittimi proprietari.


Translate »