11/03/2020 – Nelle gare di appalto non si possono riconoscere punteggi maggiori agli operatori del territorio. In questo modo, ha spiegato l’Antitrust con il provvedimento AS1649, si violano i princìpi della concorrenza.

Appalti e criteri di selezione: la territorialità
L’Antitrust si è pronunciata su un avviso pubblico con cui un Comune ha avviato una indagine di mercato per l’affidamento di lavori pubblici urgenti di mitigazione del rischio idrogeologico.

Tra i requisiti, l’avviso chiedeva di essere PMI del territorio e di aver già svolto lavori analoghi per altre Amministrazioni all’interno della Regione.

Appalti, il criterio di territorialità vìola la concorrenza
L’Antitrust ha bacchettato il Comune affermando che l’avviso non chiedeva solo la classificazione come piccola o media impresa e la qualificazione Soa per lo svolgimento di lavori analoghi, ma aveva l’obiettivo..
Continua a leggere su Edilportale.com


Nota: questo articolo è stato ripreso da un altro sito web attraverso un sistema automatico di news aggregation. Tutti i diritti sono dei legittimi proprietari.


Translate »