10/12/2019 – Con l’approvazione del Decreto Fiscale, che ha ottenuto il via libera della Camera, arrivano le ritenute fiscali negli appalti e nei subappalti di importo superiore a 200mila euro.

Il nuovo meccanismo debutterà dal prossimo anno, ma non piace al mondo imprenditoriale, che continua a sperare in una modifica. Il testo inizia oggi in Senato l’iter per l’approvazione. Non ci sono i margini per ulteriori modifiche parlamentari, ma sono stati formulati una serie di ordini del giorno per la revisione del nuovo strumento.

Appalti e pagamento delle ritenute
Dal 1° gennaio 2020, l’obbligo di versamento delle ritenute fiscali per i lavoratori impiegati nell’appalto sarà effettuato direttamente dal committente, cui l’appaltatore o il subappaltatore deve anticipare le somme. Questa regola si applicherà ai contratti di importo superiore a 200mila euro, caratterizzati dal prevalente utilizzo di manodopera.

L’appaltatore..
Continua a leggere su Edilportale.com


Nota: questo articolo è stato ripreso da un altro sito web attraverso un sistema automatico di news aggregation. Tutti i diritti sono dei legittimi proprietari.


Translate »