Appalti e sconto alternativo all'ecobonus, in Toscana doppio scontro col Governo

22/07/2019 – Mantenere la riserva a favore delle Pmi toscane negli appalti e abrogare gli articoli del Decreto Crescita che consentono alle imprese di praticare uno sconto immediato in fattura in cambio dell’ecobonus o del sismabonus.

È la linea portata avanti dalla Regione Toscana, che ha deciso di costituirsi in giudizio di fronte alla Corte Costituzionale.

Pmi e legge regionale sugli appalti
Tutto è iniziato con l’impugnativa della Legge Regionale 18/2019 per la valorizzazione della buona impresa negli appalti. La norma prevede, nel caso di appalti inferiori a 1 milione di euro, che le stazioni appaltanti possano chiamare a partecipare alle gare PMI toscane fino ad un massimo del 50% del totale degli invitati. Secondo l’Esecutivo, la disposizione è contraria ai princìpi della concorrenza.

“Non vogliamo che questa possibilità sia eliminata” ha affermato il presidente regionale, Enrico..
Continua a leggere su Edilportale.com


Nota: questo articolo è stato ripreso da un altro sito web attraverso un sistema automatico di news aggregation. Tutti i diritti sono dei legittimi proprietari.


Translate »