Coronavirus, Geometri: ecco come gestire condomìni, cantieri e atti immobiliari

03/04/2020 – Le disposizioni del Governo per contrastare l’emergenza coronavirus impattano fortemente sulle attività svolte dai geometri. Le attività professionali, infatti, anche se non sono state sospese, devono essere svolte in modo tale da garantire la sicurezza.

Per questa ragione il Consiglio Nazionale dei Geometri e Geometri Laureati (CNGeGL) ha pubblicato un vademecum che spiega come orientarsi nelle mansioni concernenti l’amministrazione condominiale, i cantieri edili, il catasto, la sicurezza antincendio e le valutazioni immobiliari.

Coronavirus, Geometri: come orientarsi nei cantieri aperti
La guida del CNG è suddivisa in base agli ambiti di intervento.

Ad esempio, nell’ambito di lavori di coordinamento in cantiere (per le attività non sospese), il CNG suggerisce di adeguare il Piano di sicurezza e coordinamento, valutando se le prescrizioni di profilassi anti-contagio previste..
Continua a leggere su Edilportale.com


Nota: questo articolo è stato ripreso da un altro sito web attraverso un sistema automatico di news aggregation. Tutti i diritti sono dei legittimi proprietari.


Post Coronavirus, ‘bonus casa stabili e semplificazioni per rilanciare le costruzioni’

03/04/2020 – Per rilanciare il settore delle costruzioni dopo l’emergenza coronavirus è necessario potenziare e stabilizzare i bonus fiscali per la casa e semplificare gli strumenti urbanistici e le procedure amministrative.

Queste alcune delle azioni proposte per il rilancio dell’edilizia da Fillea Cgil e Legambiente e dalla Federazione degli Ordini degli Architetti P.P.C. del Lazio.

Rilancio edilizia con ecobonus, il Piano Fillea-Legambiente
Il Piano Fillea-Legambiente prevede di prolungare fino al 31 Dicembre 2025 Ecobonus e Sismabonus per i condomini, prevedendo una riduzione minima del fabbisogno energetico di almeno il 50% o il raggiungimento della classe energetica B per aiutare le famiglie a risparmiare.

A fronte di ulteriori riduzioni dei consumi si potrebbero aumentare gli incentivi in maniera progressiva (innalzare l’attuale incentivo massimo fissato al 75%) sul modello seguito da altri paesi europei.

Inoltre,..
Continua a leggere su Edilportale.com


Nota: questo articolo è stato ripreso da un altro sito web attraverso un sistema automatico di news aggregation. Tutti i diritti sono dei legittimi proprietari.


Progettazione enti locali, 14 milioni di euro ai Comuni

03/04/2020 – Il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti assegna ai Comuni 14 milioni di euro per 321 progetti di messa in sicurezza di edifici e strutture pubbliche.

Si tratta di risorse del ‘Fondo Progettazione Enti Locali 2018 e 2019’ non utilizzate dalle Province e città metropolitane alle quali erano state precedentemente assegnate, ma che avevano presentato meno progetti di quanti il Ministero avrebbe potuto finanziare: 272 progetti per 20,4 milioni di euro a fronte di uno stanziamento di circa 35 milioni di euro.

A differenza delle Province e città metropolitane, i Comuni avevano presentato più di 2.000 progetti ritenuti ammissibili ma la cifra che avevano ricevuto, 12,5 milioni di euro, era bastata a finanziarne solo 833.

Progettazione enti locali, 14 milioni di euro ai Comuni
Da qui la necessità dello spostamento dalle Province e città metropolitane ai Comuni dei 14 milioni di euro inutilizzati,..
Continua a leggere su Edilportale.com


Nota: questo articolo è stato ripreso da un altro sito web attraverso un sistema automatico di news aggregation. Tutti i diritti sono dei legittimi proprietari.


Coronavirus, deroghe al Codice Appalti nel decreto Aprile?

02/04/2020 – Aprile è arrivato. A breve si dovrebbero conoscere i contenuti del nuovo decreto che immetterà una nuova dose di soldi pubblici nel sistema economico provato dall’epidemia da coronavirus.

Coronavirus, le incognite del decreto di aprile
Nella giornata di oggi il Governo dovrebbe chiedere al Parlamento l’autorizzazione allo sforamento del bilancio. Dalla risposta dipenderà la portata delle nuove misure. Nei giorni scorsi, il Presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, ha lasciato intendere che il nuovo stanziamento non sarà inferiore a 25 miliardi di euro.

Tra le ipotesi ci sono misure per la riapertura dei cantieri, che potrebbero basarsi sulla nomina di commissari ad-hoc o su deroghe al Codice Appalti, come avvenuto con lo “Sblocca Cantieri”. In campo anche lo stanziamento di maggiori risorse per i professionisti. Il confronto è ancora in atto.

Di “alleggerimento di alcune regole che hanno..
Continua a leggere su Edilportale.com


Nota: questo articolo è stato ripreso da un altro sito web attraverso un sistema automatico di news aggregation. Tutti i diritti sono dei legittimi proprietari.


Coronavirus, i cantieri restano fermi fino al 13 aprile

02/04/2020 – La sospensione di tutte le attività non fondamentali durerà fino al 13 aprile 2020. Poi si valuterà la prospettiva di una fase 2, quella della convivenza con il virus, prima di entrare nella fase 3, quella dell’uscita dell’emergenza con il ripristino delle attività lavorative e sociali.

A dichiararlo il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, che ha annunciato nella conferenza stampa di ieri sera di aver firmato il DPCM 1° aprile 2020 che proroga fino al 13 aprile 2020 le misure per il contenimento del contagio previste dal DPCM 22 marzo 2020 e del DPCM 25 marzo 2020.

Coronavirus, i cantieri che rimangono fermi
Rimangono sospese, quindi, tutte le attività già fermate dai precedenti decreti: le costruzioni di nuovi edifici residenziali e non residenziali, lo sviluppo di progetti immobiliari, i lavori di demolizione e tutte le attività di preparazione del cantiere edile..
Continua a leggere su Edilportale.com


Nota: questo articolo è stato ripreso da un altro sito web attraverso un sistema automatico di news aggregation. Tutti i diritti sono dei legittimi proprietari.


Rivestimenti antibatterici, guida alla scelta

02/04/2020 – In questo periodo tutti sono molto attenti agli aspetti legati alla pulizia e all’igiene, soprattutto in casa. È lecito quindi chiedersi se i materiali per rivestimenti possono influire in termini di igiene e sicurezza e se è possibile ripensare e riprogettare gli spazi in un’ottica che favorisca la sanificazione, non solo per questa fase di emergenza.

Nello scorso focus abbiamo parlato dei purificatori d’aria che sono in grado di ridurre in maniera significativa gli effetti nocivi dei principali inquinanti presenti nell’aria. In questo focus ci soffermeremo sulle superfici con ‘potere antibatterico’ che possono facilitare l’igiene negli ambienti interni.

Superfici antibatteriche: perché sono importanti
Le superfici, soprattutto piani per poggiare gli oggetti e pavimenti, sono ‘potenzialmente’ le parti più contaminate delle case in quanto entrano ogni giorno a contatto..
Continua a leggere su Edilportale.com


Nota: questo articolo è stato ripreso da un altro sito web attraverso un sistema automatico di news aggregation. Tutti i diritti sono dei legittimi proprietari.


L’architetto ‘fagociterà’ pianificatori, paesaggisti e conservatori?

02/04/2020 – Il Gruppo Operativo ‘Ordinamento’ del Consiglio Nazionale degli Architetti, Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori (CNAPPC) ha messo a punto una bozza di riforma dell’ordinamento della professione di architetto che il CNAPPC ha sottoposto agli Ordini provinciali.

“L’obiettivo, impegnativo ed ambizioso, che si vuol perseguire – spiega il CNAPPC – è quello di superare l’attuale frammentario quadro normativo che disciplina la nostra professione con una legge unitaria che sia innovativa e che rafforzi il ruolo sociale della professione di Architetto nell’interesse pubblico e in attuazione dei principi costituzionali, tra cui l’art. 9 della Costituzione”.

La riforma – si legge nella lettera agli Ordini – rafforza la funzione sociale dell’architetto; reintroduce l’albo unico, senza sezioni; introduce la possibilità di avvalersi del titolo di specialista; ripristina livelli minimi..
Continua a leggere su Edilportale.com


Nota: questo articolo è stato ripreso da un altro sito web attraverso un sistema automatico di news aggregation. Tutti i diritti sono dei legittimi proprietari.


Schermature solari, l’Enea spiega come fruire dell’ecobonus

02/04/2020 – Come funziona l‘ecobonus legato all’installazione di schermature solari? Come varia lapercentuale della detrazione fiscale? Quali requisiti tecnici bisogna soddisfare per fruirne?

L’Enea risponde a queste domande nel Vademecum sulle schermature solari che può essere utile per i progettisti che vogliono approfondire il funzionamento dei bonus legati alla riqualificazione dell’esistente e al risparmio energetico in questo periodo di stop dei cantieri.

Schermature solari: come funziona l’ecobonus
L’Enea spiega che sono agevolabili l’acquisto e la posa in opera di schermature solari e/o chiusure tecniche mobili oscuranti elencate nell’allegato M al D.Lgs 311/2006, montate in modo solidale all’involucro edilizio o ai suoi componenti e installate all’interno, all’esterno o integrate alla superficie vetrata.

L’agevolazione vale per gli edifici che, alla data d’inizio..
Continua a leggere su Edilportale.com


Nota: questo articolo è stato ripreso da un altro sito web attraverso un sistema automatico di news aggregation. Tutti i diritti sono dei legittimi proprietari.


Ecobonus, ecco quando le finestre si detraggono al 65%

01/04/2020 – Pur essendo ferme le principali attività in cantiere, i progettisti non smettono di approfondire il funzionamento delle detrazioni fiscali legate alla riqualificazione dell’esistente e al risparmio energetico.

Per agevolargli il compito, l’Enea ha pubblicato l’aggiornamento del Vademecum su Infissi e serramenti che spiega quando è possibile detrarre gli infissi al 65% e quando al 50%.

Sostituzione finestre: ecco come variala percentuale di detrazione
L’Enea ha chiarito che l’aliquota di detrazione dell’ecobonus per la sostituzione delle finestre varia dal 50% al 65%. In particolare, si avrà:
-una detrazione del 50% delle spese totali sostenute fino al 31 dicembre 2020 nel caso delle singole unità immobiliari;
– una detrazione del 65% delle spese totali sostenute fino al 31 dicembre 202 nel caso di interventi che interessino le parti comuni degli edifici condominiali o per..
Continua a leggere su Edilportale.com


Nota: questo articolo è stato ripreso da un altro sito web attraverso un sistema automatico di news aggregation. Tutti i diritti sono dei legittimi proprietari.


600 euro a ingegneri e architetti, a breve le domande a Inarcassa

01/04/2020 – Era attesa per oggi l’apertura della procedura, sui siti web delle Casse di Previdenza private (Inarcassa, Cipag, ecc), per richiedere l’indennizzo di 600 euro per il mese di marzo, previsto dal DL Cura Italia e disciplinato dal decreto (vedi bozza) dei Ministri del Lavoro e dell’Economia.

Ma da ieri sera, nell’area riservata Inarcassa On Line, compare il seguente messaggio: “A tutti gli iscritti interessati, le Casse aderenti all’AdEPP comunicano che il modulo per presentare la domanda ed ottenere il bonus di 600 euro andrà in linea non appena sarà pubblicato il Decreto ministeriale attuativo del Governo (ex art.44 DL 18/2020)”.

Il sito della Cassa di Previdenza dei Geometri (Cipag) questa mattina non è raggiungibile, come anche quello dell’Associazione delle Casse (Adepp).

Occorrerà dunque aspettare almeno fino a questa sera (la Gazzetta Ufficiale viene pubblicata ogni..
Continua a leggere su Edilportale.com


Nota: questo articolo è stato ripreso da un altro sito web attraverso un sistema automatico di news aggregation. Tutti i diritti sono dei legittimi proprietari.


Translate »