30/09/2019 – La Puglia mette a disposizione 35 milioni di euro per il recupero e la trasformazione di beni culturali dismessi in luoghi di cultura al servizio dei cittadini.

È online, infatti, il bando regionale ‘Radici e ali’ che ha l’obiettivo di coniugare bellezza e funzionalità favorendo cultura, economia e maggiore occupazione.

Recupero beni culturali: cosa prevede il bando
Il bando si rivolge alle micro, piccole e medie imprese culturali e creative pugliesi (in forma singola o in forma associata) che vogliono produrre cultura e lavoro al servizio dei cittadini attraverso il recupero di luoghi dismessi, beni culturali in degrado e tutti quegli “attrattori” culturali e naturali.

La Regione ha esortato gli operatori culturali a considerare anche luoghi meno convenzionali: non solo palazzi storici, ma ogni possibile attrattore culturale.

Per partecipare è indispensabile che i luoghi..
Continua a leggere su Edilportale.com


Nota: questo articolo è stato ripreso da un altro sito web attraverso un sistema automatico di news aggregation. Tutti i diritti sono dei legittimi proprietari.


Translate »