21/05/2020 – Il contagio da Covid, anche se riconosciuto come infortunio sul lavoro dal punto di vista della tutela assicurativa, non implica automaticamente la responsabilità dei soggetti predisposti al controllo come il datore di lavoro.

A precisarlo l’Inail nella Circolare 22/2020 in cui spiega il senso dell’equiparazione tra contagio covid e infortunio sul lavoro prevista dall’articolo 42, comma 2 del Dl Cura Italia che aveva sollevato malumori tra i soggetti coinvolti nella sicurezza sul lavoro.

Coronavirus, Inail: nessuna colpa per chi rispetta i protocolli
La Circolare sottolinea che il riconoscimento dell’origine professionale del contagio si fonda, per l’Inail, su un giudizio di ragionevole probabilità ed “è totalmente avulso da ogni valutazione in ordine alla imputabilità di eventuali comportamenti omissivi in capo al datore di lavoro che possano essere stati causa del contagio”.

L’Inail..
Continua a leggere su Edilportale.com


Nota: questo articolo è stato ripreso da un altro sito web attraverso un sistema automatico di news aggregation. Tutti i diritti sono dei legittimi proprietari.


Translate »