26/03/2020 – Si riduce il numero dei cantieri in cui si può continuare a lavorare. Con le modifiche al dpcm 22 marzo 2020 decise ieri a seguito del confronto tra i Ministri dello Sviluppo Economico e dell’Economia e le sigle sindacali nazionali, si accorcia la lista dei codici ATECO corrispondenti alle attività del settore costruzioni che possono continuare.

Coronavirus, si fermano altri cantieri
La prima versione del dpcm 22 marzo 2020 aveva stabilito che potevano continuare tutte le attività di ingegneria civile, contraddistinta dal codice ATECO 42. La nuova versione esclude invece le attività con codice ATECO 42.91.00, 42.99.09 e 42.99.01.

Il codice 42.91.00 riguarda la costruzione di opere idrauliche. In queste rientrano la costruzione di idrovie, porti ed opere fluviali, porticcioli per imbarcazioni da diporto, chiuse, dighe e sbarramenti, il dragaggio di idrovie.

Il codice 42.99.09 comprende le “altre..
Continua a leggere su Edilportale.com


Nota: questo articolo è stato ripreso da un altro sito web attraverso un sistema automatico di news aggregation. Tutti i diritti sono dei legittimi proprietari.


Translate »