Coronavirus, per gli Ingegneri le misure di prestito per i professionisti sono inadeguate

27/04/2020 – Le misure di sostegno al credito per i professionisti, come i prestiti del Fondo di Garanzia PMI e quelli promossi da Inarcassa a favore dei propri iscritti, si stanno dimostrando inadeguate e insufficienti.

A lanciare l’allarme il Consiglio Nazionale Ingegneri (CNI) che ha raccolto le difficoltà di molti professionisti iscritti che si sarebbero aspettati un prestito veloce e senza alcun appesantimento burocratico.

Prestiti fino a 25 mila euro: le criticità riscontrate
Per quanto riguarda l’accesso al prestito fino ad un massimo di 25.000 euro garantito dal Fondo di Garanzia PMI, il CNI ha riscontrato che ci sono alcune criticità ricorrenti. Ad esempio, l’impossibilità di accedere al prestito da parte di chi ha un conto con operatori del sistema bancario che operano solo on line e l’impossibilità di prendere contatti con il proprio referente bancario per inviare i moduli di richiesta del..
Continua a leggere su Edilportale.com


Nota: questo articolo è stato ripreso da un altro sito web attraverso un sistema automatico di news aggregation. Tutti i diritti sono dei legittimi proprietari.


Translate »