04/10/2019 – Ecobonus stabile e con aliquote differenziate in base alla destinazione d’uso degli immobili, tasse agevolate per gli edifici efficienti, incentivi per l’uso di abitazioni sostitutive durante i lavori e Fondo di garanzia per i prestiti alle famiglie che intendono riqualificare la propria casa. Sono gli strumenti che, secondo l’Associazione nazionale costruttori edili (Ance), renderebbero più appetibili le detrazioni fiscali.

L’Ance è intervenuta in audizione in Commissione Attività produttive della Camera nell’ambito dell’indagine conoscitiva sulle prospettive di attuazione e di adeguamento della Strategia energetica nazionale (SEN) al piano nazionale energia e clima per il 2030. Obiettivi che, sostengono i costruttori edili, devono coordinarsi con la Visione strategica europea al 2050 che punta alla decarbonizzazione degli edifici.

Riqualificazione edifici, Ance: ‘potenziare gli incentivi’
Secondo..
Continua a leggere su Edilportale.com


Nota: questo articolo è stato ripreso da un altro sito web attraverso un sistema automatico di news aggregation. Tutti i diritti sono dei legittimi proprietari.


Translate »