Edilizia, Ance: la crisi non è ancora finita

17/01/2020 – Dopo la recessione dell’ultimo decennio, l’economia italiana non riesce a recuperare i livelli pre-crisi, contrariamente a quanto accaduto negli altri Paesi dell’Unione Europea. Sono queste le premesse dell’Osservatorio congiunturale sull’industria delle costruzioni, illustrato dal Presidente dell’Associazione nazionale costruttori edili (Ance), Gabriele Buia, dal Vicepresidente Rudy Girardi e dal Direttore del Centro Studi Ance, Flavio Monosilio.

Edilizia, il ruolo delle costruzioni per uscire dalla crisi
Secondo lo studio dell’Ance, si rischia di vivere un nuovo decennio all’insegna di una stagnazione fisiologica fino a rischiare una nuova recessione. Questa cronica debolezza dell’economia italiana nel tempo è dovuta, sostiene l’Ance, a scelte di politica economica ispirate al sostegno dei consumi piuttosto che degli investimenti.

Nonostante la crisi, le costruzioni ancora oggi offrono..
Continua a leggere su Edilportale.com


Nota: questo articolo è stato ripreso da un altro sito web attraverso un sistema automatico di news aggregation. Tutti i diritti sono dei legittimi proprietari.


Translate »