Equo compenso, il Lazio impone alle PA regionali di applicare i parametri ministeriali

04/02/2020 – Compensi professionali calcolati sui parametri ministeriali o comunque proporzionati alla quantità e qualità della prestazione professionale; stop alle clausole vessatorie e stretta sui ribassi eccessivi nei bandi delle amministrazioni regionali.

Con la Delibera 22 del 28 gennaio 2020, la Giunta regionale del Lazio interviene nuovamente a garanzia dell’equo compenso per i professionisti fissando, per tutti gli uffici regionali e per le società controllate e partecipate dalla Regione, rigidi paletti nelle procedure di acquisizione di servizi professionali, per evitare di “alterare l’equilibrio tra le prestazioni professionali da effettuare e il compenso stabilito”.

Equo compenso, il Lazio impone i parametri ministeriali
Con la Delibera 22/2020, la regione dispone che, nelle procedure di affidamento, gli importi dei compensi professionali, da utilizzare quale criterio o base di riferimento per individuare il prezzo..
Continua a leggere su Edilportale.com


Nota: questo articolo è stato ripreso da un altro sito web attraverso un sistema automatico di news aggregation. Tutti i diritti sono dei legittimi proprietari.


Translate »