16/03/2020 – La Rete delle Professioni Tecniche (RPT) continua il suo lavoro verso il pieno riconoscimento del diritto all’equo compenso; il Ministero della Giustizia, infatti, ha accettato la richiesta della RPT di sottoscrivere un Protocollo d’intesa con il quale viene istituito il Nucleo di monitoraggio della disciplina dell’equo compenso per le professioni tecniche.

Il Nucleo centrale di monitoraggio, simle a quello già istituito per gli avvocati, sarà presieduto dal Ministro o dal Sottosegretario delegato e sarà composto da rappresentanti degli uffici tecnici del Governo e da rappresentanti della Rete Professioni Tecniche. In questo modo, RPT potrà tutelare gli iscritti e preparare azioni contro coloro che non ottemperano alla normativa.

Equo compenso: cosa prevede il protocollo d’intesa
Il Protocollo è finalizzato a promuovere la corretta applicazione della normativa in materia di equo compenso..
Continua a leggere su Edilportale.com


Nota: questo articolo è stato ripreso da un altro sito web attraverso un sistema automatico di news aggregation. Tutti i diritti sono dei legittimi proprietari.


Translate »