08/10/2019 – La fatturazione elettronica ha fatto il suo debutto già da qualche mese, ma i contribuenti continuano ad avere dubbi sul suo corretto utilizzo. L’Agenzia delle Entrate, con l’interpello 389/2019 ha fornito dei chiarimenti sulla data da indicare nel file.

Fattura elettronica e data, il dubbio
A porre il quesito all’Agenzia delle Entrate è stato un contribuente, disorientato dalla normativa che prevede, per tutte le fatture “l’indicazione della data in cui è effettuata la cessione dei beni o la prestazione dei servizi ovvero la data in cui è corrisposto in tutto o in parte il corrispettivo, sempreché tale data sia diversa dalla data di emissione della fattura”.

L’istante aveva fornito le sue prestazioni, a favore del committente, in tre giorni diversi del mese di settembre e le aveva documentate con l’emissione di tre documenti di trasporto (DDT) di reso lavorato. A fine..
Continua a leggere su Edilportale.com


Nota: questo articolo è stato ripreso da un altro sito web attraverso un sistema automatico di news aggregation. Tutti i diritti sono dei legittimi proprietari.


Translate »