18/09/2019 – In caso di incendio durante dei lavori, chi risponde dei danni causati all’edificio? Il proprietario dell’immobile in cui si stavano eseguendo i lavori o l’amministratore? E perché?

A questi interrogativi ha dato risposta la Cassazione con la sentenza 22163/2019.

Incendio durante i lavori, il caso
Nel caso esaminato, il gestore di un capannone industriale di proprietà dell’Inpdap (oggi Inps) aveva commissionato dei lavori di impermeabilizzazione della copertura per l’eliminazione di infiltrazioni.

Come si legge nella ricostruzione dei fatti, il dipendente dell’impresa appaltatrice aveva mantenuto una “condotta inadeguata e gravemente inadempiente”, con “maldestro uso di una fiamma ossidrica”, cui conseguì “l’accensione del plexiglas di cui erano costruiti i lucernari con conseguente propagazione dell’incendio all’intera..
Continua a leggere su Edilportale.com


Nota: questo articolo è stato ripreso da un altro sito web attraverso un sistema automatico di news aggregation. Tutti i diritti sono dei legittimi proprietari.


Translate »