20/09/2019 – Chi ritiene di essere stato danneggiato dai tempi lunghi della burocrazia può ottenere un risarcimento dalla Pubblica Amministrazione, a condizione di non aver tenuto una condotta imprudente nell’attesa dell’autorizzazione.

Questo, in sintesi, è il principio espresso dal Tar della Calabria con la sentenza 1539/2019.

Burocrazia lenta e risarcimento, il caso
Un cittadino aveva presentato un progetto per l’installazione di un impianto eolico per il quale la Regione avrebbe dovuto rilasciare la Valutazione di impatto ambientale (Via). La domanda per ottenerla era stata inoltrata nel 2013 e la Regione, dopo una diffida, aveva dato parere positivo nel 2015.

In questo lasso di tempo, il soggetto aveva stipulato un contratto di appalto per la posa in opera della pala eolica, corrispondendo più di 20mila euro a titolo di caparra, e un altro contratto per la fornitura del materiale necessario. Dato che la Via..
Continua a leggere su Edilportale.com


Nota: questo articolo è stato ripreso da un altro sito web attraverso un sistema automatico di news aggregation. Tutti i diritti sono dei legittimi proprietari.


Translate »