Opere di urbanizzazione a scomputo, quando si possono realizzare in proprio

31/07/2019 – Conteggiare le opere a scomputo in modo corretto, evitando frazionamenti artificiosi bacchettati dalla Commissione Europea. Con questo obiettivo, l’Autorità nazionale anticorruzione (Anac) ha aggiornato le linee guida n.4, attuative del Codice Appalti, sui contratti sotto la soglia comunitaria.

Opere di urbanizzazione a scomputo, come si realizzano
Le linee guida stabiliscono che nel calcolo del valore stimato delle opere di urbanizzazione a scomputo totale o parziale del contributo previsto per il rilascio del permesso di costruire, devono essere cumulativamente considerati tutti i lavori di urbanizzazione primaria e secondaria, anche se appartenenti a diversi lotti, connessi ai lavori oggetto di permesso di costruire, permesso di costruire convenzionato o convenzione di lottizzazione o altri strumenti urbanistici attuativi.

Se il valore delle opere, considerate nel loro complesso, è inferiore alle soglie comunitarie (5.548.000..
Continua a leggere su Edilportale.com


Nota: questo articolo è stato ripreso da un altro sito web attraverso un sistema automatico di news aggregation. Tutti i diritti sono dei legittimi proprietari.


Translate »