25/10/2019 – Nessun terremoto normativo stravolgerà il funzionamento delle Partite Iva in regime forfetario. Almeno così sembra dalle indiscrezioni sullo schema delle principali misure della manovra economica 2020, con cui il Ministro dell’Economia e delle Finanze, Roberto Gualtieri, ha risposto alle richieste di chiarimento dell’Unione Europea.

“Le partite Iva sono la classe operaia dei giorni d’oggi, soprattutto quelle sotto i 65mila euro è una categoria debole che va protetta, aiutata e incentivata” ha affermato Luigi Di Maio, lasciando intendere che non ci saranno cambiamenti peggiorativi.

Partite Iva e regime forfetario al 15%
I professionisti con redditi fino a 65mila euro continueranno ad usufruire del regime forfetario, che prevede una tassazione al 15%.

Dal punto di vista delle aliquote, tutto resterà com’è. Come già annunciato dal Governo, non sarà completata la flat..
Continua a leggere su Edilportale.com


Nota: questo articolo è stato ripreso da un altro sito web attraverso un sistema automatico di news aggregation. Tutti i diritti sono dei legittimi proprietari.


Translate »