03/02/2020 – La sostituzione di porte interne e tutti i lavori di manutenzione ordinaria possono usufruire del bonus ristrutturazione se sono collegati ad interventi ‘maggiori’ che ricadono almeno nella manutenzione straordinaria.

A ribadirlo il Ministero dell’Economia e delle Finanze (MEF) nella risposta ad un’interrogazione del deputato M5S Giovanni Currò che chiedeva chiarimenti sulla possibilità di detrarre le porte interne.

Bonus ristrutturazione: la questione delle porte interne e degli ‘interventi minori’
L’interrogante ha richiamato l’attenzione sul principio contenuto nella circolare 57/1998 in cui il MEF ha affermato che “qualora gli interventi singolarmente non agevolabili (manutenzione ordinaria) siano integrati o correlati ad interventi di categorie diverse per i quali compete la detrazione d’imposta, per effetto del carattere assorbente della categoria di intervento «superiore»..
Continua a leggere su Edilportale.com


Nota: questo articolo è stato ripreso da un altro sito web attraverso un sistema automatico di news aggregation. Tutti i diritti sono dei legittimi proprietari.


Translate »