05/12/2019 – Professionisti e imprenditori che, nelle tre annualità precedenti, non hanno esercitato alcuna attività, si vedranno chiudere d’ufficio la Partita Iva.

Lo ha stabilito l’Agenzia delle Entrate per dare attuazione al Decreto Fiscale del 2016, che ha modificato il Dpr 633/1972 introducendo il comma 15-quinquies all’articolo 35.

Nei giorni scorsi, l’Agenzia delle Entrate ha inoltre adottato un provvedimento che definisce i criteri, le modalità di applicazione della norma e le forme di comunicazione preventiva al contribuente.

Partite Iva inattive, come individuarle
Le partite Iva inattive, spiega l’Agenzia delle Entrate, vengono individuate sulla base di riscontri automatizzati con le informazioni disponibili in Anagrafe tributaria, volti a identificare i titolari di partita Iva che nelle tre annualità precedenti non hanno presentato, se dovuta, la dichiarazione Iva o dei redditi di lavoro..
Continua a leggere su Edilportale.com


Nota: questo articolo è stato ripreso da un altro sito web attraverso un sistema automatico di news aggregation. Tutti i diritti sono dei legittimi proprietari.


Translate »