17/10/2019 – La proroga dell’applicazione degli Indici sintetici di affidabilità fiscale (ISA) non ci sarà. Dopo gli annunci ufficiali, il Ministro dell’Economia e delle Finanze, Roberto Gualtieri, ha fatto marcia indietro sullo slittamento dei termini spiegandone i motivi in un’intervista a “Il Sole 24 Ore”.

Proroga ISA, l’ipotesi iniziale
L’idea di prorogare al 16 marzo 2020 il pagamento della rata del 16 novembre 2019 era nata per spostare al prossimo anno 3 miliardi di euro di maggiori entrate da destinare alle misure della manovra 2020. Secondo gli annunci di Gualtieri, lo slittamento dei termini sarebbe stato disposto con una disposizione all’interno del Decreto Fiscale.

La notizia dello slittamento, diffusa con un comunicato dallo stesso Ministero dell’Economia, era stata accolta con favore da professionisti e imprese, alle prese con le difficoltà e le incertezze derivanti dall’applicazione..
Continua a leggere su Edilportale.com


Nota: questo articolo è stato ripreso da un altro sito web attraverso un sistema automatico di news aggregation. Tutti i diritti sono dei legittimi proprietari.


Translate »