27/11/2019 – La norma transitoria del Decreto Sblocca Cantieri, operativa fino al 2020, non consente l’affidamento di un appalto integrato sul progetto preliminare ed è inconcepibile nel Regolamento attuativo del Codice Appalti “un ritorno infelice ad un modus operandi che ha prodotto i risultati peggiori della storia delle costruzioni in Italia”.

Così l’OICE, l’Associazione delle società di ingegneria e architettura, aderente a Confindustria, interviene sui contenuti della bozza di regolamento del Codice Appalti, che “prefigurerebbero un ritorno all’affidamento dei lavori – con l’appalto di progettazione e costruzioni (il c.d. appalto integrato) – sulla base del progetto preliminare”.

Per il Presidente Gabriele Scicolone, “premesso che stiamo parlando di indiscrezioni stampa su una bozza preliminare e che tutto dovrà essere verificato carte alla mano, la nostra posizione è..
Continua a leggere su Edilportale.com


Nota: questo articolo è stato ripreso da un altro sito web attraverso un sistema automatico di news aggregation. Tutti i diritti sono dei legittimi proprietari.


Translate »