23/03/2020 – La Giunta Regionale della Toscana ha deliberato l’istituzione di un fondo di garanzia per i lavori di messa in sicurezza antisismica nelle aree a maggior rischio sismico.

Riduzione rischio sismico, il fondo da 500 milioni di euro
Attraverso il fondo, la Regione farà dai garante ai privati che, seppur interessati alla realizzazione dei lavori, non possiedono la liquidità necessaria e hanno come unica chance la richiesta di un mutuo.

In via sperimentale, il fondo avrà una dotazione di 500 milioni di euro e sarà attivo fino al 31 dicembre 2021. La sua scadenza coincide con quella del sismabonus, l’incentivo per l’adeguamento ed il miglioramento sismico degli edifici.

Avranno accesso al fondo i Comuni a maggior pericolosità sismica, tra cui quelli dell’area Mugello, Garfagnana, Lunigiana e Valtiberina.

Riduzione rischio sismico, la proposta della Toscana al Governo
L’iniziativa..
Continua a leggere su Edilportale.com


Nota: questo articolo è stato ripreso da un altro sito web attraverso un sistema automatico di news aggregation. Tutti i diritti sono dei legittimi proprietari.


Translate »