Sblocca Cantieri, la distanza minima tra gli edifici resta solo in zona C

14/06/2019 – Modifiche alla disciplina delle distanze tra edifici, commissari per il risanamento dei condomìni degradati, investimenti per l’installazione delle colonnine di ricarica per le auto elettriche e allungamento dei termini per consentire la realizzazione degli interventi di messa in sicurezza di scuole e strade nei piccoli Comuni. Sono le misure per favorire la rigenerazione urbana contenute nello Sblocca Cantieri, che ieri sera è stato convertito in legge.

Distanze tra edifici, limiti solo per le zone C
Le distanze minime tra edifici, previste dall’articolo 9, commi 2 e 3, del DM 1444/1968, si applicheranno obbligatoriamente solo alle zone C di espansione. Nelle altre zone, ogni Ente potrà decidere quali regole seguire.

Gli interventi di demolizione e ricostruzione saranno consentiti nel rispetto delle distanze legittimamente preesistenti, assicurando la coincidenza dell’area di sedime, del volume e dell’altezza..
Continua a leggere su Edilportale.com


Nota: questo articolo è stato ripreso da un altro sito web attraverso un sistema automatico di news aggregation. Tutti i diritti sono dei legittimi proprietari.


Translate »