Sblocca Cantieri, le prove sulle strutture esistenti ai nuovi laboratori autorizzati

06/06/2019 – Il Ministero delle Infrastrutture e Trasporti potrà autorizzare nuove forme di laboratori, oltre a quelli già enunciati dalla Legge 1086/1971, ai fini di effettuare prove e controlli su materiali su strutture e costruzioni esistenti. Lo prevede l’emendamento al dl Sblocca Cantieri approvato ieri in Aula al Senato e che aveva già ricevuto l’ok dalle Commissioni Lavoro e Ambiente.

L’emendamento, presentato dal Presidente dell’VIII Commissione Lavori Pubblici del Senato, Mauro Coltorti (M5S), interviene sull’art. 59 del DPR 380/2001, il Testo unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia edilizia, andando così ad aggiornare l’elenco delle forme di laboratorio per i test in ambito edilizio.

Con questo provvedimento infatti, si prevede che il Ministero delle Infrastrutture può autorizzare, con proprio decreto, nuove forme di laboratori non ufficiali (quelli ufficiali sono quelli..
Continua a leggere su Edilportale.com


Nota: questo articolo è stato ripreso da un altro sito web attraverso un sistema automatico di news aggregation. Tutti i diritti sono dei legittimi proprietari.


Translate »