08/01/2020 – La Legge di Bilancio 2020 ha fortemente ridimensionato lo sconto in fattura, limitandolo ai soli lavori di efficientamento energetico di importo superiore a 200mila euro sulle parti comuni dei condomìni.

Lo ricordano il Consiglio Nazionale degli Ingegneri (CNI) e Fondazione Inarcassa, sottolineando che, in sostanza, dallo sconto in fattura sono esclusi gli interventi per la messa in sicurezza sismica, cioè quelli che godono del sismabonus.

A tal proposito, CNI e Fondazione Inarcassa esprimono la più viva preoccupazione per una decisione che, come già sottolineato di recente, rischia di bloccare definitivamente la più importante operazione di messa in sicurezza del nostro patrimonio abitativo, incentrata sul sismabonus.

Il sismabonus – spiegano i progettisti – “è uno strumento fondamentale per prevenire e mitigare gli effetti devastanti del terremoto ed è inammissibile che lo sconto in fattura..
Continua a leggere su Edilportale.com


Nota: questo articolo è stato ripreso da un altro sito web attraverso un sistema automatico di news aggregation. Tutti i diritti sono dei legittimi proprietari.


Translate »