20/01/2020 – Il sismabonus sull’acquisto di immobili, precedentemente demoliti e messi in sicurezza, spetta anche per gli acconti versati? Per usufruire della detrazione è obbligatorio il bonifico? In quali casi è consentita la cessione del credito corrispondente alla detrazione fiscale? A queste ed altre domande ha risposto l’Agenzia delle Entrate con l’interpello 5/2020.

Sismabonus, il caso e i dubbi
Una società stava per entrare come socia in una partecipata, di cui avrebbe detenuto una quota maggioritaria, creata per la realizzazione di unità immobiliari dalla demolizione e ricostruzione, con miglioramento antisismico, di edifici preesistenti. La società istante aveva inoltre intenzione di acquistare una delle unità immobiliari, situate nell’edificio ricostruito, per utilizzarla come nuova sede.

Prima di dare avvio alle operazioni, la società si è rivolta al Fisco per ottenere delucidazioni..
Continua a leggere su Edilportale.com


Nota: questo articolo è stato ripreso da un altro sito web attraverso un sistema automatico di news aggregation. Tutti i diritti sono dei legittimi proprietari.


Translate »