Subappalto, in Italia i giudici ammettono i tetti del 30%-40%

30/04/2020 – Si possono continuare ad applicare limiti al subappalto. A spiegarlo è stato il Tar Lazio con la sentenza 4183/2020. A detta dei giudici, la Stazione Appaltante può limitare il ricorso al subappalto senza che questo implichi una violazione delle norme comunitarie.

Limiti al subappalto, il caso
Il caso esaminato dai giudici riguarda una gara per l’affidamento di un servizio di monitoraggio ICT. Un raggruppamento di professionisti era stato escluso perché gran parte della prestazione sarebbe stata effettuata ricorrendo a lavoratori autonomi.

Secondo la Stazione Appaltante, il lavoro autonomo non era compatibile con la funzione di coordinamento organizzativo e poteva riguardare solo attività accessorie o strumentali, ma non l’attività oggetto dell’appalto. L’utilizzo dei lavoratori autonomi era da considerare come subappalto, con conseguente violazione della quota del 30% (oggi 40%) prevista..
Continua a leggere su Edilportale.com


Nota: questo articolo è stato ripreso da un altro sito web attraverso un sistema automatico di news aggregation. Tutti i diritti sono dei legittimi proprietari.


Translate »