Umbria, illegittimo il divieto di recinzione

23/07/2019 – La classificazione degli interventi edilizi è definita a livello nazionale dal testo Unico dell’edilizia e le Regioni non possono stravolgere questo sistema. Con questa motivazione, la Corte Costituzionale ha giudicato illegittimo l’articolo 89, comma 2, della Legge Regionale 1/2015 dell’Umbria sul governo del territorio.

Legge regionale e divieto di recinzione, il caso
Il caso è sorto quando il Tar è stato chiamato a pronunciarsi sul ricorso contro l’ordine di demolizione di una recinzione elettrificata realizzata in zona agricola a difesa dalla fauna selvatica. I giudici Amministrativi si sono interrogati sulla costituzionalità del divieto di installare recinzioni e hanno rimesso la questione alla Corte Costituzionale.

Recinzione, no al divieto assoluto
Secondo i giudici della consulta, il divieto di installare recinzioni compromette il diritto di proprietà e comprime una libertà oggetto..
Continua a leggere su Edilportale.com


Nota: questo articolo è stato ripreso da un altro sito web attraverso un sistema automatico di news aggregation. Tutti i diritti sono dei legittimi proprietari.


Translate »